Oltre il sintomo, per una nuova consapevolezza

Il corpo ci educa alla consapevolezza e ci indica l’approccio corretto con esso. È quello che ogni giorno imparo nella mia attività di massaggiatore e kinesiologo.

Se prendiamo in considerazione un singolo muscolo o un gruppo di muscoli (agonisti, antagonisti e sinergici) o anche tutto l’apparato muscolare-scheletrico nel suo insieme, notiamo che il tutto come ogni sua singola parte è sotto la costante e attenta vigilanza e influenza dell’apparato neurale.

In ogni attimo presente una marea infinita di informazioni neurologiche in entrata e in uscita attraversano tutto il nostro corpo monitorandolo, per mantenerlo in vitalità, in efficienza e salute.

Questo significa che ogni muscolo e tutti i muscoli non vivono di vita indipendente, ma sono soggetti viventi che rispondono immediatamente a tutto un complesso sistema di informazioni neurali ed emozionali, sono elementi integrati con tutti gli apparati del corpo umano e profondamente sensibili a tutto quello che accade dentro di noi e nell’ambiente esterno.

Ogni muscolo è come la creta nelle mani di un saggio vasaio, il quale da una forma al muscolo plasmando il nostro corpo. Il Vasaio è la nostra Intelligenza Innata che nella dimensione inconscia dà forma e sostanza, forza e debolezza, struttura ad ogni muscolo relazionandoli tra loro. Ecco che postura, la stessa fisiognomica del volto altro non sono che espressione di moti dell’anima, di traumi passati, di pensieri ed emozioni, di stress non risolti e mantenuti attivi, della non gioia del vivere.

Detto in parole semplici non possiamo considerare un muscolo a sé e isolarlo da tutto il resto.

Questo approccio all’apparato muscolare ci insegna che non possiamo considerare un muscolo secondo la dimanica propria della mente logica razionale che tende a focalizzarsi per concentrazione su un punto specifico. ma al contrario dal singolo muscolo aprirci ad una visione di insieme piú ampia e più veritiera delle condizioni di vita e benessere di una persona.

Per tanto tempo il trattamento si è concentrato troppo sul sintomo , ma per come funziona il nostro corpo dovremmo ogni volta imparare ad “andare oltre” il punto specifico o il sintomo locale e aprire la mente alla considerazione del tutto “in” ed “extra” alla persona, cioè a quello che sta accadendo a più livelli dentro di lei a livello fisico, psichico, spirituale e all’esterno di lei, enll’ambiente dove vive. Appare chiaro che un muscolo contratto non è solo un ammasso di fibre muscolari accorciate e in difesa, è mollto più… impariamo ad andare “oltre” e prendere nuova consapevolezza.

Il dolore riferito su una zona del corpo, una diminuita capacità motoria, la contrattura di un muscolo o semplicemente il suo passare, usando un linguaggio kinesiologico, da una normale condizione di muscolo indicatore carico (on) al Test Muscolare ad una condizione di muscolo indicatore scarico (off), (in altre parole quando un muscolo specifico è soggetto ad un fattore stressogeno, questo non è più in grado di mantenere volontariamente una posizione di stabilità omeostatica), tutto questo ci fornisce informazioni su vari fattori stressogeni in atto a più livelli di quella persona, a squlibri in atto derivanti da cause fisiche, eccaniche, strutturali, ma anche da cause psichiche, emozionali, spirituali, ambientali, presenti e passate.

Per esempio prendiamo in considerazione il quadricipite femorale. Sotto l’aspetto anatomico è un ammasso di fibre muscolari contrattili. In realtà è molto di più: è un fondamentale “elemento vivente” collegato ad altri muscoli del bio-computer umano. Le sue fibre si allungano, si accorciano, si contraggono, si riscaldano o si raffreddano, mantengono una posizione muscolare carica o scarica grazie alla costante elaborazione di infiniti dati e check eseguiti dalle cellule predisposte a questa funzione e alla fascia che lo avvolge e lo connette con tutto il corpo in ogni sua parte. Ecco che il quadricipite femorale, il suo comportamento in risposta agli input che gli vengono comunicati diventa una forma di linguaggio capace di comunicare informazioni non solo sul suo stato fisico di quadricipite femorale, ma ci comunca informazioni sullo stato di benessere-stress (“in” ed “extra“) di quella persona in quel momento a diversi livelli, non solo quello fisico, ma anche quello psichico, spirituale e ambientale.

Seguendo il teorema del il triangolo di Gooheart, per la Kinesiologia, uno squilibrio del quadricipite femorale corrisponde contemporaneamente ad uno squlilibrio dell’Intestino Tenue inteso come organo digestivo e ad uno squlibrio energetico del meridiano ad esso associato in questo caso il meridiano dell’Intestiono Tenue. Il suo riequilibrio è energetico secondo la sapienza della medicina cinese e il test va “oltre”, sfidando aspetti di alimentazione, aspetti emozionali, stili di vita, implicando una verifica dell’ambiente di vita e dei fattori stressogeni in esso presenti.

Detto questo, ogni muscolo in squilibrio, contratto, dolorante esprime in tempo reale le condizioni psico-fisiche di una persona, non si tratta il solo sintomo, è molto di più.

Trattare un muscolo solo dal punto di vista fisico-anatomico, diventa sempre più anacronistico perché i muscoli sono rivelatori di quello che sta accadendo alla persona qui ed ora e sono un libro aperto della storia pressente e passata della persona (traumi fisici, psichici, emozionali, memorie e programmi inconsci, stress ripetuti e prolungati nel tempo come posture scorrette, stress ambientali, lavorativi, familiari, personali ecc.).

Pensieri ripetuti, emozioni profonde alimentate nel tempo, fattori stressogeni mantenuti e non risolti determinano un cambiamento psico-fisico evidente sia a livello somatico, fisiognomico dovuto alla variazione muscolare. Certe posture, certi tratti somatici del volto (vedi i muscoli mimici) sono espressione vivente e manifesta a tutti di quello che stiamo passando dentro di noi, di quello che siamo nel profondo, spesso anche a livello incoscente.

Il corpo è sincero e non ci inganna. Tutti i sintomi e le espressioni somatiche, date dai muscoli, sono un grido di aiuto, ascoltiamole, osserviamole e prendiamone consapevolezza. Lo stesso dolore non è semplicemente una sensazione, ma una “emozione” che ci porta disagio, sofferenza e si legge sul volto, ci impedisce di compiere certe azioni.

Perché i muscoli si contraggono, perché ci bloccano nel movimento, perché ci provocano dolore? Per educarci alla consapevolezza. Spesso gli antidolorifici zittiscono la consapevolezza e l’evoluzione a migliorare noi stessi, il nostro stile e condizioni di vita.

Agire su un muscolo non è solo agire sulla struttura fisico-anatomica di quel muscolo, perché il muscolo stesso rappresenta una “via di accesso”, un “portale”, per dialogare con il sistema complesso di informazioni del bio-computer umano.

Trattare un muscolo, una fascia significa immettere nuove informazioni che vengono percepite ed elaborate dalle cellule del corpo umano. Questa azione mette in moto tutta una serie di nuovi dialoghi neurali interni, ulteriori checks, scambi di informazioni, verifiche di programmi attivi, reset, riprogrammazioni energetiche che spesso vanno “oltre” la stessa capacità di comprensione del cervello logico razionale, ma non per le capacità della mente inconscia e della sua Intelligenza Innata.

L’approccio alla persona che chiede aiuto per risolvere un problema fisico mira a mettere in grado la persona stessa di passare dal sintomo stesso alla “consapevolezza” dei fattori stressanti del suo sistema corporeo e dovrebbe offrire un sostegno nel compiere quel percorso evolutivo personale che va dal sintomo alle cause.

In presenza di segnali di malessere è importante educare le persone ad una nuova visione del sintomo e portare la loro attenzione su uno stile di vita sano e de-stressato, educarle alla “consapevolezza”, all’ascolto del proprio corpo, alla capacità di gestione delle proprie emozioni-pensieri, alla vigilanza sui propri comportamenti difensivi automatici e inconsci, al proprio linguaggio (uso delle parole e loro significato) e abitudini di vita, insegnando loro azioni, cambiamenti capaci di riprogrammare il loro sistema verso il loro personale equilibrio naturale e dinamico.

È fondamentale promuovere una educazione alla consapevolezza: restituire alla persona la capacità di gestire il proprio cammino evolutivo di benessere e emancipandole dalla totale dipendenza di sentenze e ricette medicali, per quanto possibile. Con questo voglio valorizzare l’essenziale importanza dell’intervento dei medici, loro stessi per primi coinvolti nell’educazione alla consapevolezza delle persone all’ascolto del proprio corpo e da questo alle proprie emozioni, agli stili di vita e agli stress ambientali. Il loro successo non è la cura della malattie, ma la prevenzione e il mantenimento in benessere delle persone.

La cura di prevenzione dovrebbe fornire alle persone abilità e competenze per la conoscenza personale di Sé, la gestione di se stessi e il miglioramento dell’ambiente di vita (lavoro, relazioni, ecologia…).

Pertanto la strada verso l’equilibrio non sarà solo esguire un trattamento esclusivamente fisico, finalizzato sul sintomo ma un trattamento frutto di una visione più allargata che conivolga più livelli della persona in trattamento.

Discipline e trattamenti che si muovono con questa sensibilità ne esistono fortunatamente già, basti pensare allo “yoga” che abbina lo stretching muscolare (trattamento fisico) alla respirazione, all’ascolto corporeo e delle emozioni e sensazioni, alla meditazione (trattamento psico-spirituale). Allo stesso modo anche la Kinesiologia non si ferma ad analizzare solo gli aspetti fisici strutturali e meccanici, ma li mette a confronto e li sfida con aspetti emozionali, neurali, energetici, associandoli a tutti gli apparati del corpo umano ecc.

Pertanto invito anche te, ad ascoltare il tuo corpo, a prendere consapevolezza di come funzioniamo biologicamente ed energeticamente. Tutti i trattamenti e massaggi offerti da Synergy hanno questa visione avanzata con un approccio al cliente a 360 gradi.

Per maggiori informazioni o per fissare un appuntamento:

IL MASSAGGIO VINCE SUL DOLORE E LE EMOZIONI NEGATIVE

Il dolore è un segnale, ci avvisa quando qualche cosa non sta funzionando come dovrebbe, è un campanello di allarme importante da non sottovalutare mai.

Proprio perché proviamo dolore ci rivolgiamo ad un medico.

Cosa succede quando un dolore non viene subito preso in giusta considerazione o, ancora peggio, viene trascurato?

Il prolungamento nel tempo di uno stato dolorifico trasforma quel dolore in dolore cronico. Nello stesso tempo lo rende più complesso e difficile nella sua risoluzione. In questo caso le sue conseguenze possono allargarsi allo stato di salute generale.

Sbagliamo ogni volta che anteponiamo scuse:

  • Ora non ho tempo!
  • E se poi scoprono qualcosa di peggio?
  • Non posso perché impegni e responsabilità professionali o familiari me lo impediscono!

Conclusione: si rimanda sperando che il dolore diminuisca. Confidiamo nella magia analgesica di un farmaco. Dietro a queste scuse si nascondono stati emozionali. Essi ci impediscono di fare la scelta giusta e in tempi rapidi.

Andiamo subito alla ricerca della causa del dolore e risolviamola. La causa non è solo semplicemente fisica, spesso è anche emozionale! Ascoltiamo il corpo e il suo campanello di dolore e andiamo a trovare il bottone giusto per spegnerlo definitivamente!

Molte persone soffrono di mal di schiena, mal di testa, sindrome del tunnel carpale, dolore al collo e alle spalle, fibromialgia, etc. Ad altre è capitato improvvisamente un incidente, una caduta, un infortunio temporaneo. Altre sentono che il loro dolore è più spirituale, emozionale.

In tutti i casi il dolore mette in moto la nostra sfera emotiva perché questa è strettamente collegata ad emozioni negative come ansia, paura, stress, depressione, sbalzi di umore.

Quello che ci irrita di più è che il dolore ci faccia perdere la nostra libertà di movimento, la nostra libertà e autonomia nel fare le cose che amiamo e ci rendono felici.

Tutti vogliamo vivere la nostra vita senza condizionamenti e poter compiere tutte le attività che desideriamo. Vogliamo portare a termine le nostre responsabilità quotidiane sia a casa che al lavoro e sentirci liberi dal peso di un impegni non ancora risolti.

Proprio su questa esigenza gli esperti di comunicazione e politici hanno saputo insistere per indurre molte persone a scegliere la vaccinazione contro il COVID, giocando sul bisogno emotivo di riavere la vita di sempre.

L’esperienza del dolore è del tutto personale e soggettiva, non c’è un essere umano che la vive ugualmente come un altro essere umano. Abbiamo sensibilità diverse nel provare dolore: c’è chi lo sopporta facilmente, chi invece non riesce a gestire nemmeno il dolore più leggero.

Esiste una profonda e indissolubile relazione tra dolore ed emozioni.

Se da una parte il dolore influenza le tue emozioni, rendendoti ansioso o depresso, dall’altra parte il dolore stesso può essere l’espressione della tua ansia e depressione.

Ognuno di noi, in base alla storia della propria vita, possiede un personalissimo bagaglio emotivo.

Questo è prodotto da esperienze vissute, da traumi nascosti nel subconscio, da programmi inconsci e automatici comportamentali di difesa, dalle maschere che indossiamo e recitiamo. Quando incontriamo nella vita di tutti i giorni un elemento ambientale stressogeno, esso può richiamare in superficie emozioni negative e traumi nascosti. Anche se nascosti nel profondo del nostro subconscio questi sono fortemente presenti. Quando sono richiamati affiorano dal profondo pronti a condizionare il nostro vissuto e il nostro sentire.

Che cosa fa il massaggio in tutto questo?

Il massaggio vince sul dolore e le emozioni negative!

Il massaggio può aiutarti a migliorare la tua sensibilità al dolore, sia emotivamente che fisicamente. Il massaggio va a lavorare contemporaneamente  sia sulle emozioni che sui fattori dolorifici fisici. Non solo, va anche a lavorare sulle somatizzazioni, e cioè sulle emozioni che plasmano come uno scultore il nostro corpo. Il nostro corpo prende in qualche modo le sembianze, la fisionomia visiva del nostro dolore o trauma nascosto.

La somatizzazione è proprio il punto di incontro tra dolore ed emozioni. Ciò che è spirituale diventa fisico e il fisico, per esempio una contrattura, una postura scorretta, diventa espressione di un elemento emozionale spirituale di sofferenza e squilibrio.

Il massaggio ha il pregio di essere meravigliosamente preventivo: impedisce che una situazione di disagio e squilibrio psico-fisico si aggravi. Si impediscono così tutte quelle conseguenze croniche e gravi future per la persona.

È importante riscoprire una cultura del massaggio personalizzato, mirato, a scadenze regolari: Mantieni in salute e benessere non solo il corpo fisico ma anche quello spirituale. Possiamo così allontanare e spegnere quei campanelli di allarme accesi dalla sensazione di dolore localizzato o generale, spesso accompagnato da senso di stanchezza, svogliatezza, insonnia, depressione.

In tempo di Covid abbiamo imparato che il sistema immunitario è strettamente collegato al benessere del nostro stato emotivo. Il massaggio agendo sul sistema linfatico e circolatorio rafforza il sistema immunitario. Agendo contemporaneamente su ansia, stress, paura, depressione aumenta notevolmente la capacità di affrontare e risolvere i fattori stressogeni che incontriamo nella nostra quotidianità.

Il massaggio è sicuramente un vantaggio irrinunciabile per il nostro benessere.

Nel 2019, secondo l’American Massage Therapy Association, il 21% degli americani adulti ha ricevuto un massaggio, con il 52% che ha riferito che era per motivi di salute o medici e il 26% che lo ha riferito per rilassarsi e ridurre lo stress.

Quando si tratta di cercare sollievo dal dolore e dal disagio delle emozioni negative, dall’ansia e dallo stress, un massaggio professionale e personalizzato può svolgere un ruolo importante e irrinunciabile nella soluzione dei condizionamenti emotivi e nella soluzione dei fattori dolorifici.

Il massaggio se eseguito professionalmente non implica nessun aspetto negativo. È stato dimostrato che il massaggio ha pochi rischi o effetti collaterali negativi ed è generalmente riconosciuto come sicuro, terapeutico ed efficace.

Chi ha scoperto la potenza benefica del massaggio non ne può fare più a meno, semplicemente perché la condizione della sua vita psico-emotiva è notevolmente migliorata. IL massaggio vince sul dolore e le emozioni negative. Se tu ancora non lo hai scoperto vieni e prova una sessione di massaggio personalizzata per soddisfare le tue esigenze uniche, eliminare il dolore e migliorare il tuo stato emozionale!

IL VALORE DEL CORPO IN TEMPO DI PANDEMIA

Riscoprire il valore del corpo in tempo di pandemia è la migliore scelta che possiamo fare.

Stiamo passando un nuovo pesante periodo di stress e paura sempre a causa delle nuove variazioni dei virus covid e delle restrizioni governative che sempre più limitano le nostre libertà personali e anche alcuni nostri diritti inviolabili.

In questa situazione collettiva, siamo chiamati tutti a ritrovare il nostro centro, l’equilibrio in noi stessi, l’ascolto del nostro Sé interiore per essere fedeli a noi stessi e proteggere il nostro benessere. Lasciamo fuori della porta di casa paura, tensione, rabbia, e tutte le emozioni e altre informazioni negative che annebbiano la nostra luce interiore.

La pandemia ha influenzato le sensazioni che percepiamo nei confronti del nostro corpo.

Molti di noi lo possono percepire stressato: mangiamo più del dovuto, affiorano arrossamenti sulla pelle, abbiamo difficoltà nella digestione, come anche dolori muscolari. Notiamo una maggiore rigidità nella mente e nel corpo, una spiacevole tendenza a ingrassare o a dimagrire eccessivamente. Soffriamo di insonnia, stanchezza diffusa, dimentichiamo impegni o dove abbiamo lasciato le chiavi. Quando parliamo non ci viene la parola giusta, urtiamo contro oggetti esterni ritrovandoci lividi qua e là. Ci arrabbiamo per niente, tendiamo a giudicare facilmente, a provare fastidio per rumori che sentiamo eccessivi, preferiamo non uscire di casa, procrastiniamo le cose che farebbero veramente del bene o quelle pesanti perché non ne abbiamo voglia, etc.

Non va bene se fosse così!

È fondamentale coltivare in noi sentimenti e pensieri positivi, piacevoli, arricchenti.

Molti si domandano: come fare? Spesso cadiamo nell’errore di chiedere questo sforzo alla nostra mente razionale. Ci impegnano mentalmente dicendoci di non comportarci più così. Ci obblighiamo ad eliminare quel pensiero o emozione facendo leva sulla forza della nostra volontà, ma poi ci accorgiamo di non farcela. Sì, perché la mente, già oberata da molti fattori stressanti, non è in grado di affrontare tutto, è stanca, non ne ha voglia.

Cosa è successo? Ci siamo dimenticati di un nostro grande alleato.

Ci siamo dimenticati del corpo!

Riscoprire il valore del corpo in tempo di pandemia è essenziale!

Purtroppo questa l’educazione ricevuta ci ha insegnato ad essere dei cerebrali, a risolvere ogni problema solo con la ragione, la lucidità mentale. Il corpo è come, non è bello come esempio ma dice la realtà, un mulo che viene caricato e caricato a dismisura, e bacchettato perché cammini con tutto quel peso addosso.

In realtà un corpo rispettato può aiutarci moltissimo. Se lo rilassiamo, se lo alimentiamo correttamente senza appesantirlo, se ce ne prendiamo cura, ascoltandolo, liberandolo dalle tensioni accumulate, se gli concediamo spazi di riposo sereno e gli doniamo di vivere quello che ci chiede.

In tutto questo il massaggio è un “antidoto privilegiato” per il tuo reale benessere, perché lavora su più livelli non solo sul piano fisico (muscoli, organi, apparati) ma anche su quello mentale ed emozionale, toccando perfino la tua anima. Un massaggio rilassante aiuta notevolmente a ritrovare equilibrio, buon umore, saggezza interiore, centratura perché permette al tuo corpo di ritrovare le condizioni migliori per affrontare lo stress che ti sorge dal tuo interno e quello che proviene dall’ambiente esterno in cui vivi.

Riscoprire il valore del corpo in tempo di pandemia significa anche tocco, contatto.

Durante il distanziamento sociale, molte persone hanno riferito di aver perso il contatto umano e di aver sperimentato la privazione del tocco. La venuta meno di questa dimensione essenziale per ogni essere umano, di qualsiasi età, maschio o femmina, oltre che a produrre ansia e depressione, ha creato un senso di disconnessione con i nostri corpi. La mancanza di contatto può perfino compromettere le nostre capacità di apprendere e prendere decisioni. Quante volte un problema, che ci sembrava insormontabile da tirare i remi in barca, solo col sostegno umano di un amico si è sciolto come neve al sole?

Non abbiamo bisogno solo che qualcuno ci dica cosa fare. Quel, a volte fastidioso, “devi” fare così! Abbiamo bisogno semplicemente di una presenza umana, di un tocco che ci dice senza dirlo: tu esisti, tu vali! Non ha prezzo il tocco rispettoso, amorevole, rappacificante poiché vince il nostro stress! Il nostro corpo ce lo fa percepire subito donandoci serenità, leggerezza, benessere, nuova forza ed energia infuse di calma e incoraggiamento. Il tocco ci riporta al nostro centro, alla nostra vera luce interiore, che per un momento si era come annebbiata. Non dimentichiamo mai il tocco rasserenante e amorevole di papà e mamma, quando eravamo tristi, stressati, doloranti.

Sì, perché il massaggio è uno specialista nel donarti tutto questo. E lo fa attraverso il tuo corpo!

Probabilmente sai, leggendomi, come un massaggio regolare può offrire al tuo corpo rilassamento fisico-mentale, migliore circolazione, sollievo per muscoli tesi ed è in grado di eliminare quella compressione nervosa che grava sui diversi livelli di energia.

Come io stesso non sono per il classico massaggio generico, ma per un massaggio professionale e personalizzato, basato su un attento ascolto della tua persona e di quello che racconta il tuo corpo.

Ti faccio una domanda. In questo periodo di pandemia, il massaggio rientra nel tuo piano di recupero per ritornare al tuo top e ottenere il massimo beneficio possibile?

Se vuoi approfondire di più, sono qui per aiutarti. Scrivimi.

Oggi ti aggiungo una chicca, riflettici un po’:

  • un massaggio regolare è un PERCORSO lungo il quale scopri molto di te,
  • ti mette nelle condizioni migliori per fare scelte giuste grazie a maggiore equilibrio e tranquillità interiore,
  • ti permette di avere un maggiore contatto con te stesso/a e con il tuo corpo,
  • migliora la tua centratura e rilassa la mente e i suoi effetti psicosomatici sul tuo corpo.

Il massaggio mette il tuo corpo nelle condizioni migliori perché tu possa affrontare ogni cosa, ma soprattutto per realizzare il tuo progetto di vita, la tua felicità.

Il massaggio migliora la vita

L’esperienza ed il feedback di tutti i clienti dello Studio Massaggi & Kinesiologia dimostra che ricevere un massaggio mensilmente migliora la vita. Ed ecco alcuni motivi.

Il corpo ha un innato bisogno di essere massaggiato: fin da piccoli i nostri genitori ci hanno accarezzati il gesto più naturale per comunicare non solo il loro amore ma anche per lenire il dolore di una botta o di un mal di pancia.

Il massaggio migliora la vita

A livello fisico il massaggio rivitalizza tutti gli apparati del corpo umano. Ogni tocco e manovra è in grado di far circolare la vita in tutte le sue cellule. La circolazione sanguigna si attiva come non mai portando nutrienti, ossigeno, ormoni anche lì dove i tessuti sono meno serviti. Anche la circolazione linfatica stimolata raccoglie tutti gli scarti del metabolismo cellulare eliminandoli, ed ecco che molte zone del corpo congestionate, fredde, gonfie si purificano e le capacità immunitarie si fortificano. I muscoli di distendono e molte delle tensioni muscolari e rigidità fasciali si distendono rendendoci più agili e armonici. Tutti quei dolori che non volevano mai andarsene ora sembrano spariti. Il corpo ringrazia facendoti sentire quella meravigliosa sensazione di leggerezza, di libertà nel movimento, di relax.

Ma non solo…

A livello psichico, emozionale

Chi coltiva la buona abitudine di un massaggio mensile è in grado di rendere tutti gli aspetti della vita più sani, felici ed equilibrati.

Il National Institute of Health definisce il benessere emotivo come “la capacità di gestire con successo lo stress della vita e adattarsi ai cambiamenti e ai tempi difficili”.

Il massaggio regolare aiuta, infatti, a mantenere la nostra mente calma e rilassata e il nostro corpo agile e sciolto. Siamo così pronti sia fisicamente che emotivamente a gestire qualunque cosa la vita ci riserva.

Un massaggio mensile
è un appuntamento con se stessi, dentro se stessi.

Un massaggio mensile
è appuntamento di “ascolto” del corpo e dello spirito,
è un momento di pausa, di stop,
ci sei solo tu in compagnia di te stesso/a, senza distrazioni.

Quando si riceve un massaggio con regolarità ti educhi all’ascolto e alla meditazione. Ti stacchi da tutto e da tutti e scopri che ora ci sei solo tu, il tuo corpo, la tua mente calma, il tuo spirito.

Gli studi dimostrano che meditare regolarmente può aiutare a ridurre l’infiammazione correlata allo stress nel corpo e alleviare la sindrome dell’intestino irritabile, il disturbo da stress post-traumatico e la fibromialgia. Il contatto con te stesso/a durante un massaggio, come la meditazione, possono ridurre significativamente la depressione. Non solo ti permettono di crescere nella consapevolezza di te stesso e nel pensare in modo più costruttivo alle sfide della vita. Prendere contatto con se stessi rende più naturale seguire il proprio faro interiore ed ad essere fedeli e veri con te stessi. Stop ad essere in balia delle tante voci esterne, tu. ne hai una interna molto saggia.

La gratitudine, che nasce dal massaggio, migliora la vita

Quando ricevi un massaggio regolarmente cresce in te una emozione: la gratitudine!

Sì perché il massaggio ti trasforma: ti fa sentire più posato, calmo, rilassato, centrato, radicato ed equilibrato sul tuo baricentro. Tutta la complessità di te stesso trova unità. Tutte le tue cellule parlano all’unisono, tu stesso ti senti un unico cuore, un’unica anima. Ti accorgi ora di tutto ciò che ti fa star bene dentro di te e attorno a te! Sei grato a te di te stesso, sei grato verso il tuo corpo, sei grato verso le persone che incontri, sei grato verso la vita!

Secondo la Harvard Medical School, la ricerca sulla psicologia positiva conferma che “la gratitudine aiuta le persone a provare emozioni più positive, ad assaporare le buone esperienze, a migliorare la propria salute, ad affrontare le avversità e a costruire relazioni forti”. I dottori Emmons e McCullough in una loro ricerca sulla gratitudine hanno analizzato tre gruppi di persone: uno ha tenuto un diario della gratitudine, uno ha tenuto un diario di irritazioni e lamentele e uno ha scritto un resoconto delle proprie vite senza alcuna enfasi positiva o negativa.

Dopo 10 settimane, il gruppo con il diario della gratitudine si è sentito più felice, più soddisfatto con la propria vita, ha fatto meno visite ai medici rispetto al gruppo che ha scritto sul diario le esperienze negative.

Quando ricevi un massaggio provi gratitudine verso il tuo corpo. Il tuo corpo ogni giorno ti dona la vita, ti permette di compiere i tuoi progetti, e a lui devi essere grato e prendertene cura. È la tua vera casa.

È una pratica semplice da riprendere. Inizia a notare le cose per cui sei grato e trova il modo di esprimere la tua gratitudine. Quante volte dici “grazie”? Sei grato e un signore/a con i tuoi amici? Lasci una recensione entusiastica per il servizio ricevuto? Tenere elenchi di gratitudine o diari sono ottimi modi per iniziare! Chi pratica la gratitudine cresce in consapevole dei molti benefici di ogni giorno porta con sé. Prova a mettere sul tuo comodino in camera una pietra che ti rappresenti e ogni sera, prima di addormentarti, prendila tra le mani e confidale tutta la tua gratitudine per uno o più aspetti della tua giornata, addormentandoti col sorriso tra le labbra.

Il movimento, che caratterizza il massaggio, migliora la vita

Il massaggio è movimento: movimento di mani, movimento di sangue, linfa e ormoni, movimento passivo di muscoli e fasce, movimento di respiro, movimento di emozioni, sensazioni, pensieri, movimento di energia…

Ricevere un massaggio ti porta a prendere consapevolezza che tutto nel corpo è movimento: il cuore pulsa, i polmoni si gonfiano, l’intestino assimila attraverso la peristalsi, lo stomaco digerisce muovendosi, i muscoli si contraggono e si distendono, da neurone a neurone scorrono senza sosta infinite informazioni, il liquido cerebrospinale si espande e ritrae come la marea sul lido del mare, le energie sottili scorrono lungo la superficie del tuo corpo e al suo interno fino a raggiungere organi e viscere profondi.

Chi riceve un massaggio, pur stando fermo su un lettino, prende consapevolezza dell’importanza di fare esercizio fisico, come sana abitudine. Questo permette al corpo e alla mente di mantenersi in forma e pronto a rispondere alle opportunità e alle sfide della vita. Secondo il National Institute On Aging, la ricerca mostra che “attività fisiche – come camminare, andare in bicicletta, ballare, yoga o tai chi – possono aiutare a ridurre i sentimenti di depressione e stress, migliorare il tuo umore e il benessere emotivo generale, aumentare la tua energia livello e migliorare il sonno.”

La consapevolezza, che sorge dal massaggio, migliora la vita

Ma c’è una ultima cosa che dovrei dirti:

Un massaggio regolare ti educa alla consapevolezza che tu esisti, perché senti il tocco e gli effetti del tocco sul tuo corpo fisico e sul tuo corpo mentale e spirituale.

Spesso siamo così presi da tante cose che dimentichiamo noi stessi, tutti presi da mille pensieri, preoccupazioni e impegni e cessiamo di sentire il nostro corpo, anzi lo zittiamo, lo carichiamo di stress.

Ricordati: Tu sei il centro della tua vita! Riappropriati del tuo centro e non ci sarà nessuna tempesta della vita che ti metterà in crisi, dentro di te c’è un faro e se anche le onde sono alte e impetuose e si infrangono sulla tua scogliera, tu sei come quel faro saldo, ben radicato, sei luce per te e per gli altri.

Lo sai che quando ricevi un massaggio vieni messo in contatto con la divinità che alberga dentro il tuo corpo? Tu sei divino, abbi cura di questa parte di te e non permettere mai a nulla e a nessuno di impedirti di mantenere il contatto con essa. Tutte le situazioni e le cose di questo mondo passano, ma tu, se rimani fedele alla tua luce interiore, evolvi nel cambiamento rimanendo sempre più vero, forte, equilibrato e un faro per chi ti vive accanto.

SANE ABITUDINI PER MIGLIORARE LA QUALITÀ DELLA VITA

Piccole sane abitudini, sì alle volte basta così poco per cambiare la nostra vita, lo stato d’animo, la produttività, crescere in energia vitale e benessere.

È autunno! I bambini finalmente sono tornati a scuola in presenza e con l’autunno la vita ha un altro ritmo, più calmo, dato dal minore durata di luce lungo la giornata e dal tuo profondo, approfittando di questa calma, emergono delle voci sottili e se le presti attenzione di fanno sentire una esigenza profonda, quasi un vero bisogno di riprendere in mano la tua vita, di avere spazio per te, di migliorare il tuo stile di vita, i tuoi pensieri, le tue emozioni, soprattutto di perfezionare o ritoccare la tua routine quotidiana, settimanale o mensile!

Le sane abitudini hanno un gran potere su di noi! Ci sono sane abitudini e sono quelle che ci danno energia, libertà, voglia di fare, leggerezza, sorriso.  Altre, invece, ci appesantiscono, ci imprigionano, ci rendono la mente occupata sempre nei soliti pensieri, il volto triste, il fiato corto, ci consentono di prendere meno decisioni e ci deviano nelle nostre zone di confort che in realtà sono zone limitanti, bloccanti, grigie. Alle tue voci interiori non piacciono queste abitudini. Per questo ti invitano a dedicarti ogni giorno un po’ di più alle sane abitudini, quelle che ti aiutano a essere più felice, più sano e/o più produttivo.

Cosa fare?

Per ottenere i massimi benefici usa questa strategia: inserisci nella tua routine sane abitudini. All’inizio potrebbero sembrare piccole cose, ma con il tempo porteranno grandi benefici!

20 sane abitudini per iniziare.

Scegline una o due alla volta e aggiungile alla tua routine. Quando diventano automatiche, aggiungi un’altra abitudine o due e così via.

I cambiamenti possono sembrare piccoli quando li fai, lentamente e a volte anche velocemente nel tempo possono aggiungere cambiare positivamente il tuo stile di vita e migliorare il tuo benessere nel corpo, nella mente, nello spirito e di conseguenza anche la tua produttività e felicità!

  1. Svegliati presto. Da sempre è il segreto di tutti coloro che hanno avuto successo nella vita
  2. Scegli alcune pose yoga da praticare al risveglio con un po’ di riscaldamento, basta una mezzoretta non di più, ma ogni mattina. Ti aiuteranno a rimanere centrato, flessibile ed è un ottimo modo per muovere il tuo corpo e mantenerlo sano e attivo.
  3. Fai una sana e varia colazione. Avvia il metabolismo in modo da bruciare più calorie durante il giorno. L’auto senza benzina non corre.
  4. Saluta il tuo partner, i tuoi figli o il tuo cucciolo prima di partire per la giornata con un grande sorriso, curiosa di quello che accadrà e felice di poter vivere la tua vita, realizzare i tuoi progetti e compiti.
  5. Trascorri ogni ora del tuo tempo con un atteggiamento di gratitudine.
  6. Fai un pisolino di 30 minuti, potrebbe farti sentire più vigile e avere prestazioni migliori.
  7. Quando crei la tua lista di “cose da fare” per lavoro, le cose facili collocale per ultime. Sarai più produttiva durante il giorno!
  8. Bevi acqua, poco  e spesso. Aiuta a sostenere la funzione sana di organi e tessuti, migliora le comunicazione neurali, avrai la mente meno stanca, non solo riduce l’apporto calorico e può dare alla tua pelle una grande luminosità!
  9. Prendi l’abitudine di fare stretching alla stessa ora ogni pomeriggio. È ottimo per la tua mobilità e il tuo livello di energia, soprattutto se fai un lavoro sedentario.
  10. Pianifica la cura di te stesso, prendi l’abitudine di ricevere un massaggio al mese. Il tuo corpo, la tua mente e anche le tue emozioni ti faranno sentire tutta la beatitudine ed emotivo. Non pensarci troppo, fissa subito un appuntamento mensile, hai così vinto l’indecisione e la buona abitudine ha già inizio.
  11. Salta il caffè pomeridiano e opta invece per il tè! È meglio per il tuo corpo e il tuo livello di energia!
  12. Prenditi del tempo per uscire, anche solo per pochi minuti. Gli studi dimostrano che questa abitudine offre una potente e sorprendente carica energetica sia a livello fisico, mentale e spirituale!
  13. Se lavori da casa o il tuo ufficio ha una palestra, fai una doccia pomeridiana. Può essere un rilassante momento di quiete per rinfrescarsi, rilassarsi e resettarsi! Mantieni sempre un contatto col tuo corpo, è la casa in cui vivi!
  14. Saluta i colleghi prima di uscire da lavoro e disconnettiti dal lavoro per prepararti alla vita dopo il lavoro. Costruisci attorno a te relazioni più forti, stoppa la tua vita lavorativa e da spazio e meraviglia alla tua vita personale.
  15. Ricapitola la tua giornata. Avere un’agenda, un diario o una conversazione con qualcuno che ami, è importante, ti permette di non disperderti e di aver chiari i tuoi obiettivi, desideri, di scriverci dentro i contenuti delle tue voci interiori. Ti aiuta a fare un check generale della tua vita, ma soprattutto alla fine di ogni giornata scrivi una parola che evoca il momento più bello e significativo della tua giornata, tu aiuta a mettere da parte le preoccupazioni per la notte e ad addormentarti con un sorriso sul volto.
  16. Leggi per almeno 30 minuti ogni giorno. Chiudi la TV. Può aiutarti a ridurre il livello di stress, migliorare la tua memoria e oi tuoi pensieri saranno come istruiti aprendo i tuoi orizzonti!
  17. Fai un bagno caldo almeno due ore prima di andare a letto. La ricerca mostra che può migliorare il sonno.
  18. Prearati al sonno, allontanati da schermi mentali e pensieri pesanti, attività eccitanti almeno 20 minuti prima di andare a letto. Dormirai meglio!
  19. Medita. Questo può essere semplice come ascoltare una meditazione guidata o prendersi un momento per sedersi immobile e liberare semplicemente la mente.
  20. Tieni il letto solo per dormire! Se hai problemi a dormire, non portare a letto i tuoi hobby, il lavoro e la lettura a letto ti distrarrà solo.

Per molti di noi scegliere una nuova abitudine è facile, è mantenerla che diventa difficile. Per mantenere le tue nuove abitudini, ti suggerisco di valorizzare la tua responsabilità e la tua forza che ti viene dalla spinta di quelle voci interiori che vogliono il tuo bene. Fare da soli non sempre è facile e si rischia di fermarsi per strada, pertanto condividi il tuo obiettivo con un amico o con un gruppo di persone che hanno la tua stessa intenzione interiore. E se dimentichi, non tutto è perduto. Perdona te stesso e riparti subito come se non avessi mai fermato quella tua buona abitudine, impostati una sveglia mentale in modo da ricordartelo il giorno successivo. Ci vuole tempo, ma la saggezza comune ci dice che ripetere un’abitudine per 30 giorni o più aiuta a renderla automatica e spontanea. Quando ciò accade, preparati ad aggiungere una nuova sana abitudine!

È più difficile ascoltare il corpo o tendiamo rimandare nel tempo il nostro benessere?

Spesso si parla dell’importanza di ASCOLTARE IL PROPRIO CORPO.

Molti clienti mi confessano che non lo ascoltano correttamente o non sanno ascoltarlo!

È proprio vero che non lo ascoltano o è una velato modo di scusarsi?

Io penso che quando il corpo vuole farsi sentire, si fa sentire perché ha una voce molto potente: la voce del dolore!

È la voce del fastidio, della stanchezza, della sonnolenza, della svogliatezza. È la voce delle emozioni, delle sensazioni, del malessere generale. È la voce della diminuita capacità o voglia di movimento, la voce della perdita di appetito o della fame nervosa, del volto e degli occhi spenti.

Non solo, il corpo usa perfino la teatralità (psicosomatica) gonfiandoci o rendendoci asciutti, giocando tra pieni e vuoti, colorando il nostro viso di bianco oppure arrossando la nostra pelle qua e là, come se anche il corpo avesse il diritto di irritarsi per tanta nostra poca attenzione. Arriva, perfino, a cambiare la nostra postura, l’espressione stessa del volto e degli occhi, la fisionomia del nostro aspetto (fisiognomica).

Tutte queste cose raramente passano inosservate, ne prendiamo coscienza: non si può fa finta di non sentire un dolore o un fastidio, è che diventiamo abili nel farlo!

Cosa ci impedisce ascoltare il nostro corpo? Cosa ci impedisce di rispondere immediatamente alle richieste del nostro corpo?

È una riflessione che mi pongo spesso. Chi viene nel mio studio è solito sentirsi domandare: da quanto tempo… lei sente questo fastidio? La confessione: un mese, tre mesi, sei mesi, un anno… chi ancora di più.

Tutti, penso, lo sappiamo: più rimandiamo nel tempo un malessere, più esso diventa cronico ed è più complesso toglierlo.

È proprio vero che la vera ragione del non ascolto del corpo non sta nel non ascolto?

Più che a non ascoltare il nostro corpo, noi TENDIAMO A RIMANDARE NEL TEMPO CIÒ CHE DOBBIAMO FARE OGGI!

Non abbiamo sufficiente percezione, quanto sia nefasto e grave il “rimandare nel tempo” ciò che ci chiede “oggi” il nostro corpo e quello che ci chiede è sempre collegato con le nostre esigenze profonde.

Che cosa rende progressivamente debole il nostro corpo fino ad ammalarsi?

Provo a spiegarlo semplicemente.

Quando assumiamo un comportamento innaturale come una postura scorretta da seduti, quando accade un evento traumatico, quando subiamo un incidente involuto, quando ci scontriamo nell’ambiente in cui viviamo con un fattore stressogeno ecc., immediatamente noi ne percepiamo il colpo, il disagio. Il corpo, in mille modi, ci lancia i suoi messaggi di avvertimento. Ma noi, invece di farne tesoro e agire subito per togliere la causa stressante, tendiamo a rimandare nel tempo la soluzione.

Ecco come lo facciamo:

  • Svalutiamo i campanelli di allarme, non diamo loro il peso che meritano.
  • Assumiamo il ruolo di Superman, ci sentiamo forti e bravi nel saper sopportare tutto all’ennesima potenza.
  • Ci sentiamo più responsabili degli altri trascurando noi stessi, per quella idea che senza di noi gli altri sarebbero come persi, noi veniamo sempre dopo nella priorità del tempo e tralasciamo di dare la giusta importanza ai messaggi del nostro corpo, bravi crocirossini, ma medici incapaci di curare se stessi.
  • A causa di una scorretta educazione al dovere e al sacrificio, tendiamo a mettere prima di tutto gli impegni, il lavoro, non ho tempo per… (frase scusante).
  • Per “paura” e chiamare le cose col loro nome, cerchiamo di abbellire ciò che ci spaventa per renderlo meno angosciante, togliendo urgenza, gravità, facendo finta che nulla sia accaduto, non ascoltando i segnali del corpo e … aspettiamo che tutto si risolva come per magia.
  • altro ancora, prova a raccontarlo tu.

Cosa comporta questo RIMANDARE NEL TEMPO: prima o poi ci verrà presentato il conto!

Un problema latente non se ne sta buono a cuccia come il buon fedele cane, la disfunzione, il disequilibrio continuano a lavorare sotto la soglia della nostra coscienza e si complicano proprio grazie al nostro “rimandare nel tempo”.

Sì perché il nostro corpo funziona così.

Il corpo possiede una sapienza meravigliosa interna, grazie alla quale cerca di risolvere ogni stress, trauma, disequilibrio. Dentro di noi agisce una intelligenza innata, la quale attiva immediatamente tutte le sue risorse ed è più veloce di ogni nostro pensiero. Tutte le misure di difesa e correzione seguono le leggi inconsce a noi trasmesse e rielaborate dal DNA di generazione in generazione.

Eppure il nostro corpo non vuole fare tutto da solo, ci vuole avvertire, per quel patto di profonda e dinamica collaborazione tra mente conscia e inconscia, tra “Io razionale” e “Sé interiore”. Il corpo ci parla lanciando diversi segnali alla nostra mente conscia perché li interpreti affinché noi, in modo cosciente, attiviamo, senza aspettare tempo, tutte le soluzioni migliori.

Il corpo non è uno strumento da sfruttare, ma un essere vivente con cui “collaborare” per realizzare il nostro progetto di vita, mai del tutto conosciuto alla nostra mente razionale. Sì, svegliarci dal torpore della vita reale di tutti i giorni (abitudini, impegni, progetti, sacrifici, pensieri, gioie e dolori) per prendere coscienza di ciò che, sotto il livello della nostra coscienza vigile, ma altrettanto reale, accade nel nostro corpo, in modo da prestare anche il nostro aiuto, la nostra collaborazione, nel ristabilire quel dinamico naturale equilibrio in noi infranto.

Se noi, invece, siamo tutti presi dalla nostra mente razionale, impegnata e limitata nelle cose di questo mondo, non prestiamo molta attenzione ai segnali del corpo e continuiamo a vivere come se nulla fosse. Il nostro corpo, allora, si domanda: “perché non mi aiuta, glielo sto chiedendo?

Il corpo, vendendo che non cambiamo nulla e non facciamo nessuna scelta per migliorare la nostra condizione, pensa che la disfunzione in atto non rappresenti per noi qualcosa di pericoloso per la nostra sopravvivenza, proprio quanto il nostro corpo ce lo sta gridando.

Il corpo dice: “se l’essere umano, in cui esisto, persiste nel tempo a voler mantenere comportamenti scorretti e non trova soluzioni a questo squilibrio, significa che per qualche ragione questo squilibrio svolga un ruolo voluto“. Di conseguenza il corpo, pur non capendo la nostra motivazione, ci rispetta e tende ad adattarsi, mantenendo nel tempo lo squilibrio. Contemporaneamente cerca di diminuire al massimo ciò che nell’immediato può mettere in crisi la sua sopravvivenza. Dice: “io non capisco perché, ma mi ci adatto”.

Quando il corpo si adatta e accetta uno squilibrio? Solo quando uno squilibrio continua nel tempo. Non vede da parte nostra nessun cambiamento di comportamento, nessuna azione di aiuto, nessun atto volontario che attesti la solidarietà al nostro corpo e ai suoi messaggi di aiuto.

È proprio il PERMANERE NEL TEMPO DELLO SQUILIBRIO a provocare l’adattamento del corpo allo squilibrio, o meglio, il nostro corpo cerca di correre ai ripari adattandosi allo squilibrio che noi rimandiamo nel tempo. È ciò che la medicina occidentale indica come “CRONICIZZAZIONE” di un malessere.

Ogni volta che una disarmonia o squilibrio permane nel tempo, il nostro corpo attiva una procedura interna di reciproco sostegno, chiedendo aiuto ad altri organi, ad altri sistemi corporei, ad altri muscoli, ad altre fonti di energia. La spartizione dei pesi all’interno del corpo fa sì che quel malessere contagi, allargandosi, altre strutture e sistemi. Per esempio prima ho un dolore alla zona lombare e ora mi scende lungo tutta la gamba. Questo perché tutto e tutti nel corpo collaborano 24 ore su 24 alla nostra sopravvivenza, anche se non ne abbiamo coscienza: il reciproco aiuto è una legge interna. Purtroppo anche strutture e sistemi del corpo hanno una loro vitalità e resistenza e, quando anche questi subiscono uno stress superiore alle loro performance, diventano vittime sacrificali di quel malessere. Il risultato: il semplice malessere si complica e cronicizza e noi ci ammaliamo.

Arriva quindi il giorno in cui il dolore si fa più forte, il corpo ci impedisce di compiere le azioni quotidiane, ci toglie la dignità del vivere e allora corriamo ai ripari e andiamo dal medico o dal massaggiatore, nel mio caso, e …. chiediamo il miracolo. Ed è meraviglioso: il nostro corpo è così generoso e ricco di possibilità che il miracolo anche ce lo dona, non sempre subito però, questa volta, quando una situazione è cronicizzata, ci fa attendere un po’ di più, quasi come ad insegnarci una lezione.

Proprio per questo invito tutti a prendersi cura del proprio benessere.

Ama te stesso prima di ogni cosa e sarai in grado di compiere ogni cosa.

Non rimandare nel tempo ciò che devi fare oggi, per tutto il resto tempo ce n’è sempre.

il nostro corpo, quando chiama, va ascoltato e nulla deve farci rimandare nel tempo la nostra risposta chiara e amorosa. Agire subito, non fermarti mai al solo pensare e se un massaggio ti è utile fissa subito un appuntamento, prima che un problema diventi cronico. Prevenire è meglio che curare.

Scrivi pure un tuo commento a questo articolo

Curo la malattia o il benessere?

Di che cosa mi devo prendere cura? Della malattia o del mio benessere?

Di fronte alla domanda, curo la malattia o il benessere, la risposta può sembrare banale: “la malattia si cura”. Tutti noi quando stiamo male, ogniqualvolta accusiamo un dolore oppure un sintomo corriamo, giustamente, dal medico. Questa mentalità del medico riconosciuto come “colui che cura la malattia” ci ha accompagnati fin dalla nascita e appartiene alla educazione ricevuta in famiglia, a scuola, volutamente consolidata dalla pubblicità nei media.

La pubblicità nei media mantiene, infatti, viva e diffusa, questa mentalità comune del “curare la malattia” enfatizzando i disagi negativi di una malattia per offrire immediatamente una soluzione facile, veloce e scientifica:  il prodotto ideale per togliere quel fastidio! Nella nostra mente avere una soluzione curativa a portata di mano soddisfa inoltre altre due importanti esigenze tipiche della nostra società, la soluzione deve essere efficiente e veloce: la “facilità” di utilizzo che ci sottrae l’attenzione dalle “complicazioni” sottostanti la soluzione proposta (le controindicazioni), e la “velocità” poiché la cura deve soddisfare il nostro desiderio del “tutto e subito”.

Nonostante la ricerca scientifica spenda ogni anno ingenti somme per trovare nuove cure efficaci, un grande impegno da lodare e sostenere, nuove malattie sorgono all’orizzonte. Non dovremmo forse anche impegnarci per studiare e migliorare il benessere dell’individuo come deterrente del insorgere di vecchie e nuove malattie?

Io penso che fermarci a considerare il binomio “cura <—> malattia” sia un modo limitante di guardare alla realtà, tu cosa ne pensi?

La mentalità di mettere in primo piano la malattia come obiettivo finale a cui indirizzare la cura può sviluppare dei comportamenti scorretti.

Eccone di alcuni molto frequenti:

  • Inizio a preoccuparmi e mi rivolgo al medico, faccio esami e spendo soldi solo quando sto veramente male? Ma cosa era successo prima di star così male? Quali eventi, comportamenti, segnali, stati d’animo, sensazioni, pensieri, abitudini scorrette, stile di vita innaturale? Con quali agenti chimici, tossici son venuto a contatto a livello di aria, pelle, alimentazione?
  • Pochi sono stati educati ad ascoltare il proprio corpo e i suoi messaggi, di conseguenza quando ci  si presentano passiamo superficialmente oltre.
  • Per educazione ricevuta scatta quell’imperativo morale secondo il quale dobbiamo essere efficienti nonostante tutto, ci sentiamo così responsabili dei nostri compiti nella famiglia e nella società da tacere le nostre esigenze di rispetto per il nostro corpo e per il nostro benessere interiore, le mettiamo in secondo piano.
  • La competitività sociale ci spinge a chiedere al nostro organismo performance e prestazioni come se fossimo una specie di robot indistruttibili, oppure grazie alla mentalità “cura la malattia”, ci pensiamo in qualche modo aggiustabili e quando un pezzo di noi si rompe e non si può aggiustare, vorremo che ci fosse sempre sostituito, altrimenti a cosa serve la scienza!

Subdolamente la mentalità del “cura la malattia” ci spinge ad accettare comportamenti non dignitosi e non rispettosi del nostro benessere, non ci indigna nel dover vivere in un ambiente contaminato e non salutare, non ci spinge a comportamenti etici ed ecologici a favore dell’ambiente in cui viviamo.

Il nostro organismo è capace di adattarsi allo stress, alle situazioni di non equilibrio, a superare anomalie, eccessi nel cibo, nel bere, nello sport, nel lavoro, ma non possiamo chiedere al nostro organismo miracoli, soprattutto se già debilitato e con le difese immunitarie deboli

Se cambiassimo mentalità e ci prendessimo cura del benessere saremmo degli “indignati” contro tutto ciò che non tutela il benessere personale e collettivo.

Se al corretto enorme dispendio di soldi e risorse per curare la malattia, crescesse nelle masse la cura e la tutela del benessere dell’individuo, dell’habitat dove ogni giorno noi traiamo vita ci sarebbe un grande salto di qualità evolutiva negli esseri umani, nello stile di vita individuale, sociale, lavorativa, familiare e del tempo libero, ci sarebbe un altissimo rispetto della natura, saremmo più etici e civili e penso anche molto meno ammalati e stressati.

La cultura occidentale del “cura la malattia” ha dimenticato negli ultimi 2000 anni l’altra faccia positiva della stessa medaglia della malattia, il benessere. Nelle Tradizionale Medicina Cinese e nella medicina Ayurvedica l’accento era posto sul benessere integrale della persona, il medico si prendeva cura del benessere della persona prima della malattia. L’idea di benessere allora inglobava una visione molto ampia dell’essere umano compreso sotto l’aspetto spirituale, fisico, psichico ed il suo rapporto con l’ambiente.

A cosa abbiamo ridotto, noi occidentali, il termine “benessere”?

Ad un weekend coccoloso presso un lussuoso albergo con SPA, o ad una pausa mordi e fuggi presso un centro estetico o uno studio di massaggi, a creme e profumi, ad esperienze sensoriali e rilassanti. Il benessere non è la quotidianità ma limitata ad un frammezzo di tempo, ad una pausa strappata dalla vita reale. Dati i costi del benessere un’altra idea serpeggia nel pensiero collettivo: il benessere possono concederselo solo le categorie sociali più benestanti. Il benessere non può significare evasione dalla realtà, né una concessione per pochi.

La generazione dei genitori del dopo guerra e del boom economico hanno trasmesso una mentalità per la quale il benessere significava risalire lo stato sociale, poter acquistare strumenti tecnici all’avanguardia che migliorano la qualità della vita, status symbol. Oggi possiamo ben accorgerci che il consumismo non è vero benessere ed il prezzo pagato dall’ambiente è stato enorme: questa ricetta non ha prodotto la felicità promessa.

Che cos’è il benessere? Difficile dare una definizione, tanto è vasto questo concetto.

Il benessere è dato da tutti quegli elementi essenziali alla realizzazione e alla evoluzione di una persona nel corso della sua vita personale e sociale, capace di mantenerla in un dinamico stato di equilibrio fisico, mentale e spirituale. Il benessere appartiene a tutti gli esseri umani, nessuno escluso, e alla vita quotidiana. Benessere è “ben-essere”.

La mentalità di poter “curare la malattia” può alimentare le possibilità di sviluppo della malattia ogni qual volta io accetto il fatto di non aver tempo ora per prendermi cura di me, quando mi fa rimandare ad un futuro non programmato le mie esigenze essenziali o mi spinge a scendere a compromessi con tutto ciò che mi stressa, mi appesantisce, mi debilita. La “permanenza nel tempo di un disequilibrio” sia interiore ed emotivo, oppure fisico e mentale conduce progressivamente e inesorabilmente alla formazione della malattia. Tanto più dura questo “tempo di distress” (stress negativo) tanto più la malattia si aggrava e si trasforma in cronica, in una patologia.

Domandiamo se è dignitoso aspettare la confluenza delle circostante giuste o opportune per il mio vero benessere (più serenità economica, tempo per prendermi cura di me, un habitat non inquinato…)? Posso re-inviare il diritto di prendere in considerazione il mio benessere solo dopo aver risolto le problematiche più urgenti della vita? Il prezzo nel frattempo pagato non ha valore! Alla fine non sempre basta una medicina, una pastiglia, un antinfiammatorio, un antidolorifico per ritornare subito in forma. Il mio organismo ora è indebolito, ha assunto delle cronicità per le quali dovrò assumere pastiglie per tutta la vita, anche la mia struttura fisica ne ha risentito in postura, agilità nei movimenti, lo stesso la mia mente non ha più la freschezza mentale di prima, stanchezza, poca energia vitale. Non basta curare la malattia se non curo il benessere.

Quante volte mi son detto: ‘finché sto bene tiro avanti, riesco a sostenere questa situazione stressante, faccio il forte, spero di non ammalarmi”?

Questo pensiero è un indicatore di come ancora siamo lontani dal curare il benessere, mentre possiamo curare la malattia. Serve un cambiamento radicale di mentalità.

Passare dal curare la malattia alla priorità di prendersi cura del benessere proprio, della società e dell’ambiente è una educazione che deve iniziare da piccoli, essa inizia dal singolo per poi estendersi alla comunità e all’ambiente.

Il benessere è collegato alla evoluzione personale della propria autocoscienza, è intimamente legato al proprio progetto di vita, cammina assieme a coerenza, autenticità e verità, è infuso di amore e responsabilità. Finché io non divento “cosciente” del “valore” del benessere, non mi impegnerò per esso, avrò comportamenti incoerenti. Il benessere è come un faro nel mare, ti dà la direzione delle tue scelte, del tuo agire, del tuo alimentarti, della qualità delle tue relazioni, della cura che hai dell’habitat in cui vivi a partire dalla cartina gettata per terra.

Prenderci cura del benessere ci spinge a porre attenzione sulle “cause” che hanno provocato quel lo specifico malessere e non a curare i sintomi, ci orienta ad assumere nuovi comportamenti e stili di vita più etici ed ecologici, ci rende coscienti nel mantenere il nostro organismo e la nostra mente in un riequilibrio costante e dinamico per superare i fattori che mettono in pericolo il nostro ben-stare o ben-essere.

Forse accanto al medico “cura la malattia” avremmo bisogno di medici o di “esperti in benessere” non coinvolti negli interessi di marketing, ma esperti capaci di illuminare le nostre coscienze ad una vita di benessere fisico, psichico e spirituale.

La stessa parola “sano”, dal greco “saos”, significa rimanere illeso, integro. Non riguarda la malattia né la sua cura, né solo la prevenzione, l’accento è sulla integrità dell’essere umano.

Mantenersi autentici, integri, in armonioso equilibrio fisico, mentale e spirituale con se stessi, gli altri e la natura.

Qual’è la tua mentalità, curo la malattia o il benessere?

Come ogni giorno ti mantieni o stai migliorando il tuo benessere personale e collettivo?

Quali sono i tuoi suggerimenti ?

Il segreto del Benessere

Il Benessere è la risposta armoniosa di un equilibrio profondo in atto nella nostra vita e sempre in continuo movimento.

Il Benessere non si raggiunge una volta per tutte, è il risultato di un equilibrio dinamico perché sempre nuovo e ritrovato. Ogni giorno il nostro sistema innato risponde alle provocazioni del mondo esterno, agli eventi della vita ed contemporaneamente alle problematiche fisiche ed emotive interne che ci destabilizzano e ristabilisce il precedente equilibrio infranto oppure ne ne ricalibra uno nuovo adattato alle nuove condizioni. Questo perché il nostro organismo non corra il rischio di collassare a causa dello stress fisico, mentale ed emozionale sperimentato a casa di eventi esterni e interni al corpo umano che ci definisce come persona unica e irripetibile. In breve in noi esiste una Intelligenza innata che ci difende da tutto quello che potrebbe mettere in pericolo la nostra vita e l’armonia di ogni singola parte di noi con il tutto.

La vita ogni giorno ci riserva esperienze nuove, sfide, minacce, pericoli, novità e innovazioni, imprevisti, traumi fisici e psichici, cambi di programma, adattamenti, rischi, competizione, scontro, situazioni stressanti a cui dobbiamo fare fronte, come se ci venissero fatte delle domande a cui dover dare in ogni caso sempre una risposta, qualunque essa sia, pena la nostra stessa esistenza in questo mondo. Se non sono elastico, modulabile, adattabile, rinnovabile, creativo, intelligente, correggibile, aperto mentalmente, pronto al cambiamento, all’apertura mentale, all’improvvisazione momentanea, disposto a riprodurre nuovi equilibri e armonie per superare ogni crisi in atto nel sistema corporeo, mentale e spirituale del mio “essere in questo mondo”, io sono a rischio estinzione.

Chi mi protegge da tutto questo, chi veglia su di me?

In prima istanza l’Intelligenza Innata: ogni giorno c’è una intelligenza agente in ciascuno di noi la quale costantemente gestisce tutte le operazioni che permettono al nostro organismo non solo di compiere tutte le sue complesse funzioni, ma anche di preservare e mantenere il nostro stato di salute adattando e rimodellando egregiamente il sistema corpo-psiche-spirito a far fronte ad ogni possibile pericolo o minaccia (pensiamo solo al sistema immunitario) o cambiamento di condizioni e abitudini: il miracolo della vita si compie ogni giorno, non solo quando siano stati concepiti.

Ventiquattro ore su ventiquattro il nostro sistema corporeo è sottoposto a check-up e programmato dalla intelligenza innata attraverso infinite operazioni neurali , chimiche, elettriche, vibrazionali, psichiche, emozionali, energetiche… per meglio adattarsi ai cambiamenti in atto, alle nuove condizioni di vita.

Tutto nel nostro corpo coopera a questa sinfonia di armonie riscritte: dalla singola cellula al cervello, ogni organo, ormone, viscere, muscolo, valvola, diaframma, orofizio… tutto avviene in modo automatico, spontaneo, immediato o graduale, senza che noi ne siamo coscienti. Ogni operazione esprime una intelligenza innata che ha un compito essenziale: mantenerci in vita il meglio possibile con tutte le risorse di cui in ogni momento attuale ha a disposizione.

Quando tutto questo sistema di sistemi è in armonia con dentro e fuori di noi ci trasmette luna meravigliosa sensazione: quell’appagante senso di Benessere, Leggerezza, Felicità, Pienezza, Serenità che proviamo in alcuni momenti.

In noi esiste anche una Intelligenza Razionale, essa ci permette di prendere coscienza di una piccola parte di quello che accade dentro e fuori di noi, rendendoci consci di quello che ci accade e proviamo ci mette in grado di assumere dei comportamenti adeguati per migliorare il nostro benessere, compiendo azioni concrete e coraggiose, formulando pensieri positivi e propositivi, progetti, strategie, ci consente di dare ragione di ogni cosa che ci accade e proviamo per quanto possibile, trovando rimedi, soluzioni e aiuti, in breve con la nostra mente razionale noi possiamo aiutare e collaborare con la nostra intelligenza innata. L’equilibrio e la costante collaborazione sinergica di queste due intelligenze è fondamentale per il nostro Benessere. Basta solo che una delle due sottometta l’altra e il nostro benessere subito ne risente.

Varie possono essere le nostre risposte personali e razionali agli squilibri che mettono in difficoltà la nostra esistenza quotidiana: possiamo trasformarci in dei combattenti, oppure ci comportiamo da incoscienti che non si rendono conto di ciò che il corpo comunica e non vedono i problemi (cecità di autocoscienza), oppure diveniamo dei codardi che gettano la spugna e si chiudono nella apatia senza reagire, oppure siamo come dei ciechi e sordi ai segnali da continuare a vivere come se stessimo bene ma la realtà è un’altra e perseveriamo nel mantenere intatte le nostre vecchie abitudini, certe convinzioni limitanti assunte in famiglia o dalla educazione ricevuta, oppure stiamo male ma non ne capiamo nulla e ci mettiamo con fiducia nelle mani di chi sa più di noi con cieca fiducia.

Eppure ogni volta che il nostro organismo combatte o manda segnali (sintomi) di insofferenza o di squilibrio, oltre all’importante rimedio medico domandiamoci: Che cosa mi sta dicendo il mio corpo attraverso i suoi messaggi di dolore, debolezza, difficoltà, fastidio e insofferenza?

Dietro ogni squilibrio in atto c’è una provocazione che ci viene fatta, c’è qualcosa che la sta causando. Ed è proprio quando la vita viene messa in pericolo che riusciamo ad apprezzarne tutto il suo valore senza prezzo.

Il Benessere non si raggiunge una volta per tutte, la vita è sempre in cambiamento e ci lancia sempre nuove sfide. Cercare il Benessere, significa prenderci cura di noi quando stiamo bene (ma quando stiamo bene non ci pensiamo) e quando il nostro benessere diminuisce. Quando il Benessere si indebolisce significa che abbiamo un interrogativo vitale e personale a cui dobbiamo dare una risposta, comporta una azione da intraprendere, un cambiamento da affrontare, un salto di qualità da fare a vari livelli.

Spesso una diminuzione del Benessere accade proprio lì dove ci viene data una prova da superare. Dietro al non-benessere c’è sempre un trauma, una emozione negativa, una sofferenza, una paura, una debolezza, un vuoto, una ferita già sperimentati e vissuti e da risolvere.

Il Benessere è infinitamente di più di un’ora di piacere presso una SPA, è un compito da affrontare, in una parola il nostro Benessere è collegato alla nostra essenza più profonda, al nostro reale progetto di vita, al nostro scopo in questo mondo, alla nostra felicità che non altro è la nostra vera realizzazione.

È in questo senso che assumere una alimentazione sana e corretta, curare se stessi e la propria autostima, affermare e difendere la propria dignità, ascoltare i messaggi del proprio corpo, le sensazioni e sintomi che esprime, vivere con trasparenza le proprie emozioni, liberare i traumi e lo stress accumulati, superare momenti di crisi e di squilibrio fisico, mentale ed emozionale, vivere con piacere e soddisfazione appartengono ai compiti di ogni essere umano, perché la vita va vissuta con ben-essere.

Proprio per questo ogni persona che entra nello Studio Jesolo Massaggi & Kinesiologia non viene solo a ricevere un Trattamento di Benessere ma viene condotta a ricercare il suo Benessere ad ogni livello: nella vita intima e spirituale, fisica, personale e familiare, sociale e professionale.

Ricevere un massaggio non è solo provare il ringraziamento del corpo che ti fa sentire più rilassato, ma sentire in quel benessere diffuso quella che dovrebbe essere la tua fondamentale dimensione di vita. Ricevere un trattamento di Riflessolgia Plantare è prendere coscienza che i tuoi piedi ti parlano e ti possono aiutare a ritrovare equilibrio proprio lì dove qualcosa ti sta destabilizzando. Fare una sessione di Kinesiologia ti aiuta a prendere maggiore coscienza della tua vita e trovare quella soluzione al tuo problema che da solo, nonostante la tua volontà e impegno personale, non eri in grado raggiungere. Vivere una esperienza di trattamento craniosacrale ti aiuta a risentire il respiro primario del liquido encefalorachiano, che pulsa dentro di te, riprendere il suo movimento lungo e sinuoso, il suo armonioso equilibrio che poi trasmette a tutte le cellule e organi e tu lo noti subito nella serenità che si sprigiona dentro di te.

Massaggio rilassante

Il massaggio rilassante interviene sapientemente su corpo, mente e spirito, rilassa il corpo calmando contemporaneamente la mente ristabilendo l’equilibrio emozionale e spirituale.

A chi è consigliato il massaggio rilassante?

A tutti coloro che sono sottoposti alle seguenti innaturali condizionamenti:

  • ritmi frenetici di vita,
  • ambiente non sereno di lavoro,
  • impegni impellenti,
  • permanenza in spazi chiusi e inquinati da energia negativa,
  • costrizione ad una vita di doveri priva di piacere,
  • assenza di soddisfazione e realizzazione,
  • eccessi di una alimentazione non sana,
  • frastuono e rumore di continui messaggi,
  • fluire incessante di pensieri mentali e preoccupazioni.

Il corpo accumula stress, tensione, e produce senso di depressione, pesantezza e  malessere generale.

Decidersi per una seduta di massaggio rilassante per eliminare lo stress accumulato significa lanciare un messaggio importante al proprio inconscio: “io mi voglio bene e mi prendo cura di me!”.

Nello stesso tempo ristabilisci il primato della tua persona su tutto ciò che tendeva a prendere il sopravvento sulla tua vita affermando un importante stop emotivo.

Donarsi un messaggio rilassante è farsi un regalo meritato, è donarsi coccole di dolcezza, è riprendersi una equilibrata consapevolezza interiore.

Quali sono i benefici di un massaggio rilassante?

  • Aiuta dolcemente il corpo ad eliminare tutte le tensioni muscolari.
  • Libera sapientemente l’energia intrappolata facendola fluire.
  • Dona un profondo senso di relax e pace.
  • Toglie una delle cause maggiori dell’invecchiamento precoce ringiovanendo il tuo corpo.

Il massaggio rilassante è una vera e propria forma di cura.

Ascolta le sensazioni e le emozioni che emergono spontaneamente dal tuo corpo e quelle che risalgono dal tuo profondo, interpreta i segnali precisi che ti vengono inviati e fanne tesoro. Approfitta di questo meraviglioso momento di pace, di dolcezza, per prendere contatto con te stessa-o.

Leggi tutto “Massaggio rilassante”

Call Now ButtonChiama